Analisi delle cause della misteriosa moria di uccelli

Comincia male questo 2011. Il primo mistero dell’anno è la strana e inspiegabile moria di uccelli in varie parti del mondo tra cui gli Stati Uniti d’America, la Svezia, ma anche l’Italia. Quali sono le possibili cause? Quali i possibili scenari futuri?

Cominciamo elencando i fatti.

  • Il 1° Gennaio si verifica uno strano fenomeno a Beebe nell’Arkansas: circa 5.000 merli si schiantano al suolo nell’area cittadina.
  • Il 2 Gennaio muoiono almeno 100.000 pesci tamburo del fiume Arkansas.
  • Il 3 Gennaio avvengono altri due ritrovamento a Baton Rouge, in Louisiana, di rispettivamente 50 e 400 uccelli di varie specie.
  • Il 5 Gennaio in Svezia vengono ritrovati morti un centinaio di piccoli corvi.
  • Il 6 Gennaio vengono ritrovati altri 1.000 merli in Kentucky.
  • Il 7 Gennaio in provincia di Faenza muoiono 800 tortore.
  • Altre 50 tortore muoiono il 9 Gennaio in provincia di Modena.

Una sequenza impressionante. La scienza ufficiale tenta di dare risposte.

  • Per Beebe si parla dei fuochi d’artificio come causa dello sterminio. Gli uccelli sarebbero stati colpiti dall’onda d’urto. Qualcun altro afferma che i merli, che non hanno una gran vista, hanno volato troppo basso a causa dei botti e si sono schiantati contro vari ostacoli causando mortali ferite interne.
  • Per quanto riguarda i pesci tamburo non c’è unanimità sulle cause. La causa non sembra essere una tossina, ma forse un agente patogeno. La cosa anomala è che siano morti solo pesci di questa specie. Si sa che ogni anno accadono strane morti invernali presumibilmente per via del rimescolamento dell’acqua fredda e dell’acqua calda dei laghi, ma mai con queste proporzioni.
  • A Baton Rouge la causa sembra essere stata uno sbalzo di tensione su una linea elettrica. Oppure lo stormo è volato contro la linea. In ogni caso non si capisce perché siano coinvolti uccelli di diverse specie.
  • Per Svezia la causa è da cercare nei fuochi d’artificio che anche qui avrebbero disorientato i corvi che, terrorizzati, sono atterrati su una strada e successivamente falciati dalle auto.
  • In Kentucky la causa è stata indicata ancora una volta nelle linee ad alta tensione.
  • A Faenza si ipotizza uno scompenso dovuto ad un’alimentazione invernale squilibrata.
  • Per Modena è troppo presto per qualsiasi ipotesi.

Quelle presentate sono tutte teorie plausibili, anche se devono essere confermate dalle prove. Di sicuro c’è un’anomalia che ha portato alla morte di moltissimi animali in breve tempo in pochi luoghi circoscritti. L’apparente scarsa preoccupazione dimostrata dai veterinari di tutto il mondo non vuol dire che non ci sia qualcosa di cui preoccuparsi.

Per qualcuno può essere un segno dell’imminente Apocalisse, qualcun altro punta il dito contro il solito HAARP. In realtà al momento c’è solo una gran confusione. Meglio aspettare qualche giorno per capire cosa c’è dietro.

1 commento su “Analisi delle cause della misteriosa moria di uccelli”

  1. cosi dicevano,dopo la morte viene il giudizio come in cielo cosi nell’acqua e poi in terra .con le morti nascono le domande????? e allontanano le risposte….no perche???????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *