Introduzione alle Scie chimiche – Parte 1

Per quanto cruda sia la realtà mostrata in questo documentario, non scordatevi mai di focalizzare la vostra attenzione sulla bellezza, la dolcezza e l’amore.
Chi avvelena il mondo lo fa con un cuore arido e spietato, è bene non imitarlo e non chiudersi nella logica della reazione rabbiosa.


Il consiglio comunale approva all’unanimità una mozione nella quale si afferma che: “diversamente dagli aerei civili, i quali su rotte predeterminate rilasciano scie di condensazione, le scie chimiche riscontrate sono di natura gelatinosa e vengono nebulizzate da aerei che volano a bassa quota e sono irrorate nell’aria attraverso sistemi di distribuzione ben visibili con normali cannocchiali”

Se pensate che questi amministratori mentano chiedetevi perché mai dovrebbero “spararle così grosse”… per perdere voti?

Anche i comuni di Sant’Arcangelo di Romagna e di Cesena hanno seguito l’esempio del comune di Savignano, approvando una mozione per denunciare le scie chimiche… tutti folli questi consiglieri?

Quello che segue è un brevetto per generare false scie di condensa. Un generatore di scie di polvere! Per diffondere dall’aereo particelle con pigmenti che riflettono la luce e simulano una scia di condensa, ma fatta di particolato.

Se lo inventano servirà a qualcosa!

Riepiloghiamo. Le persone comuni vedono strani fenomeni legati alle scie degli aerei e le autorità indagano. La tecnologia per creare queste scie è addirittura brevettata!

Le prove fotografiche

Molte persone credono che le scie che vedono sono delle scie di condensa.

Ma in queste immagini si vede chiaramente che spesso le scie non partono in corrispondenza dei motori.

E’ vero, a volte diffusi da un punto in prossimità del motore, ma non facciamoci ingannare, non è condensa di vapore acqueo, sono scie chimiche!

Notare che le scie partono da un punto vicino al motore ma distinto da esso: non è condensa di vapore acqueo!

Spesso le scie partono dal motore perché i diffusori sono montati in maniera che le sostanze chimiche ed il particolato metallico fuoriescano assieme ai fumi della combustione. Le scie di condensa però non si formano immediatamente dietro i motori ma a qualche metro di distanza (ciò dipende dal tempo necessario al raffreddamento del vapore e dall’alta velocità dell’aereo).

Mentre l’operazione va avanti migliorano le tecniche di inganno, moltissimi aerei rilasciano scie chimiche a debita distanza dai motori imitando così le scie di condensa (per fare ciò basta aumentare la pressione dell’aerosol).
Ma questi aerei volano troppo bassi per generare scie di condensa, infatti spesso li si vede rilasciare scia alla quota dei cumuli, nubi presenti a circa 2 km di altezza (vedi foto).

La bassa quota dei sorvoli di questi aerei con scia al seguito è stata verificata con l’uso di un telemetro acquistato dal comitato tanker enemy.

Del resto basta guardare le mappe satellitari per vederne di tutti i colori. Due piloti sbadati che hanno sbagliato rotta e sono tornati indietro?!

La disinformazione: insinuare e offendere

Questo documento è stato realizzato da una persona laureata in fisica.

Anche se qualche negazionista delle scie chimiche ha cercato di negare anche quello, ironizzando, insinuando; uno dei principali “argomenti” di chi “lotta” per negare le scie chimiche è l’ironia o l’offesa, come in questo commento sul blog di Paolo Attivissimo.

Forse non hanno argomenti più seri? O forse a loro danno fastidio i nostri calcoli?

“La lunghezza e l’intensità di una scia di condensazione dipendono dalle condizioni atmosferiche, dal tipo e dalla velocità dell’aereo. Le tipiche scie di condensazione variano dai 9 ai 28 Km. (da 5 a 15 miglia marine) di lunghezza (…) [The Camouflage Handbook, AAFWAL-TR-86-1028 (Wright-Patterson AFB, Ohio: Air Force Wright Aeronautical Laboratories, 1986), cap. 1–12]

Facciamo adesso un semplice calcolo fisico- matematico: se la velocità è data da v=s/t (spazio percorso diviso il tempo impiegato a percorrerlo) invertendo tale formula si ottiene t=s/v (il tempo di percorrenza è uguale allo spazio percorso diviso la velocità) e quindi un aereo che viaggia ad una velocità di 600 km/h (tipica velocità di crociera) per percorrere 9 km impiega un tempo pari a 9/600 ore = 0,015 ore = 0,9 minuti =54 secondi, mentre per percorrere 28 km impiega un tempo pari a 28/600 ore = 2,8 minuti = 2 minuti e 48 secondi. Se per caso un aereo viaggiasse ad una velocità molto più bassa (ad esempio 300 km/h) in base ai dati riportati nel suddetto libro otterremmo dei risultati doppi dei precedenti, ma sono ben pochi gli aerei che volano a simile velocità. Abbiamo quindi la conferma che le tipiche scie di condensa durano di norma un minuto, al massimo 5. Di conseguenza un cielo oscurato da 40 “scie di condensa” persistenti per ore (o anche solo per un’ora) è assolutamente a-tipico, a-normale, un fenomeno spiegabile solo in termini di irrorazione artificiale.

D’altronde non esiste nessun documento anteriore agli anni 1980 in cui vengono menzionate “scie di condensa persistenti”

Le tipiche scie di condensazione variano dai 9 ai 28 Km. E non si tratta di un’eccezione, le satellitari mostrano quasi sempre queste scie lunghissime. Ma quelle scie sono lunghe 400 km ed anche più!

Chi nega le scie chimiche asserisce che non esistono scie curve, non esistono scie nere, non esistono scie a bassa quota, che le scie non oscurano il sole … però se osservate il cielo con costanza (possibilmente ad intervalli di 20 minuti) potete osservare tutte queste cose.
Uno degli scopi principali dei negazionisti delle scie è far sì che non guardiate il cielo, perché se lo osservaste con attenzione …

Analisi sul campo

Questo è il posto dove vivo… e questo è quel che resta del cielo dopo il passaggio delle scie chimiche

BRESCIA – 11 – febbraio – 2009. Massiccio attacco aereo

Scie che si incrociano, si espandono, si sovrappongono

Scie persistenti che velano il sole

Spesso preannunciate dai servizi meteo come “innocue velature”… da quando in qua le nuvole sono pericolose? Ma forse queste “nuvole” lo sono!

Le scie di condensa durano al massimo qualche minuto! Cos’è allora che ci ruba il sole? Il sole che dona vita, luce ed energia a tutto il creato. Come fare a parlare di “scie di condensa”? Solo la malafede o la mancata osservazione del cielo può far pensare che tutto ciò sia normale. Oppure la paura, il rifiuto di rendersi conto che chi ci governa ci avvelena.

Non lasciate che la PAURA vi impedisca di guardare in faccia la verità

Scia “di condensa”… interrotta, ma che strano!

Articolo fonte

2 commenti su “Introduzione alle Scie chimiche – Parte 1”

  1. Amatissimi fratelli Eloi è la Gloria!
    Tutto ció che vi é sopra è vero, personalmente pero mi chiedo fino a quando dovrá essere presentato come cosa nuova? Il fatto che si possa continuare a perdere tempo con qualcosa di ormai cosí evidente, mi dimostra semplicemente che gli uomini di questo mondo sono aberrati ed arretrati in ogni senso lo si voglia indagare! Lasciateli fare è inutile cercare di discutere con qualcuno il cui intelletto si puó solo comparare con quello di un gorilla! Io no vi temo anzi vi dico in faccia che siete una umanitá di ammalati mentali che non hanno piú la forza e la capacitá d`intelletto per comprendere i vostri propri errori!!!!
    A la fine dei tempi che d`altronde è molto prossima non ve la caverete piú con le vostre scuse tribiali!!!
    Che la luce del signore riesca a rendere le mie parole ossolete, dandovi finalmente una apertura di coscienza alla realtá!
    Erk-Sol

  2. Perdonate la mia irruenza fratelli terrestri e cosmici!
    Lo sapevate che il mio gruppo di meditazione giá dagli anni settanta aveva avertito che queste cose sarebbero state le conseguenze dirette per la nostra assurda maniera di trattare il nostro pianeta, e che tutto ció che adesso si vuole passare come cosa nuova giá esra stata detta da noi alla colettivitá? Sicuramente che non lo sapevate e tipico in voi fare finta di non sapere pur di non dover accettare le vostre colpe!!!
    La veritá è che quandolo abbiamo presentato il nostro piano ce lo hanno rubbato e lasciato sparire, perche abbiamo fatto l`errore di rivolgerci ad un MAZONE NASCOSTO!!!
    Vi sembra che adesso sará diverso, se lasciamo che il nostro AMBASCIATORE sia uno di loro stessi???!!!!
    Fratelli meditate bene queste cose perche non sono la mia immaginazione ma l`AMARA REALTÀ!!!
    Il Padre UNICO È la Gloria e non qualche prete, illuminati o Mazone che siano!!!
    Ricevete un Abraccio nella Luce Erk-Sol!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *