Introduzione alle Scie chimiche – Parte 2

Continua la nostra introduzione sul fenomeno delle scie chimiche. Misterioso fenomeno che tanti osservano e nessuno spiega. Dobbiamo quindi chiederci: è possibile che i nostri governi, che dovrebbero lavorare per il bene comune, siano coinvolti in questo genere di attività?

Chi ci vuole male?

Non è la prima volta che la struttura militare compie simili barbarie.

Alla domanda se tali test sulla popolazione sono ancora in atto la responsabile ha risposto: “Non è nostra abitudine discutere delle ricerche in atto”

Volete aspettare 30 anni perché il governo ammetta di avere usato le scie chimiche negli anni 2000? Lo so, è brutto pensare che le istituzioni lavorino per avvelenare il cittadino, eppure lo hanno già fatto molte volte. Per esempio drogando bambini e adolescenti troppo disattenti, troppo vivaci, troppo ribelli.

ARRIVA LA DROGA PER I BAMBINI Il discusso farmaco per i bambini ipercinetici e nervosi, il Ritalin, sarà disponibile in commercio autorizzato dal Ministero della Salute.A niente sono valse le proteste dell’Associazione “Giù le mani dai bambini” che ha cercato di bloccare l’entrata del pericoloso farmaco in Italia.

A base anfetaminica il Ritalin è utlilizzato per “curare” una malattia nuova chiamata ADHD (Attention Deficit Hyperactivity Disorder, cioè “sindrome da iperattività”).
Una malattia che sembra più ideata ad hoc dall’industria farmaceutica e dagli educatori per sedare bambini agitati, deconcentrati, con comportamenti che a scuola o in famiglia sono difficili da gestire. “Non è una malattia”, protestano in molti, “la diagnosi è inconsistente e basata su atteggiamenti assolutamente soggettivi”…

A causa di una prescrizione selvaggia del farmaco, in America ci sono già stati oltre 160 casi di morte, 2.993 casi di reazioni collaterali e migliaia di casi di dipendenza in tutto simile a quella da anfetamine. E’ stato anche ipotizzato un potenziale cancerogeno molto pericoloso.

Tra gli effetti collaterali da Ritalin gravi problemi cardiovascolari, mentali, gastrointestinali, metabolici tra cui: Ipertensione – Tachicardia – Aritmia – Dolori al petto – Arresto cardiaco – Psicosi, _ Allucinazioni – Ansia – Insonnia – Ostilità – Depressione – Pianto facile – Confusione – Anoressia – Mal di stomaco – Costipazione – Diarrea – Arresto o ritardo della crescita – Mal di testa – Ridotta capacità di comunicare e socializzare…

Senza parole…
Veramente triste pensare che si debbano correre certi rischi quando spesso nervosismo, agitazione, mancanza di consentrazione nei bambini sono causati da una cattiva alimentazione. Troppi troppi zuccheri (le famose calorie vuote”), veleni e coloranti nascosti soprattutto nei cibi destinati ai bambini, pochi micronutrienti. A volte basterebbe riequilibrare la nutrizione con l’aiuto di un esperto.

Non stai attento a scuola? Sei malato! Vai a prenderti la pillola.
Sei troppo vivace? Sei malato! Ecco un calmante.
Negli Stati Uniti, la droga per la “malattia” (inventata!) del disturbo dell’attenzione e/o disordine dell’iperattività viene somministrata ad oltre 6 milioni di bambini e adolescenti. I governi ci avvelenano e ci drogano sin da piccoli!

KURT COBAIN (chitarrista e cantante del gruppo rock Nirvana)

  • Diagnosticato “ipercreativo e ribelle”
  • Trattato col ritalin
  • Due tentativi di suicidio, il secondo gli è stato fatale

Da piccolo Kurt era vivacissimo: era impossibile farlo stare seduto troppo a lungo, e i medici lo avevano etichettato come iperattivo.
Per “curarlo” gli era stato somministrato del Ritalin (uno stimolante che mitigava la sua iperattività e lo teneva sveglio fino alle quattro di mattina) e gli era stato vietato lo zucchero. (fonte)

E il mercurio nei vaccini?

E come mai il mercurio permane nei vaccini e nelle amalgame per l’otturazione dentale quando è stato vietato nei termometri?

Addio al termometro al mercurio, è andato in pensione
E’ stato messo al bando da una direttiva Ce per evitare che finisca tra i rifiuti con danni all’ambiente e alla salute. Ma chi l’ha in casa non dovrà buttarlo.

In discarica no, ma in bocca sì?

L’azienda Europea per i medicinali (EMEA) nel giugno 200 ha raccomandato alle ditte produttrici di vaccini di attuare un piano d’azione per eliminare i conservanti contenenti mercurio, principalmente tiomersale [o thimerosal], dai vaccini.

I vaccini al mercurio sono già stati messi fuorilegge in molte nazioni (però anche lì sono stati utilizzati per diversi decenni nonostante la ben nota tossicità del mercurio).… eppure guardate cosa dicono le ASL…

Notate la stridente contraddizione con quanto visto prima?

Ma davvero il rischio è puramente teorico? Come mai allora fra le popolazioni non vaccinate non si riscontrano casi di autismo?

Anche lo studio fatto nel 2004, con dati forniti dal CDC di Atlanta (Center for Disease Control, children who receive thimerosal-containing vaccinations), ha concluso che i bambini che sono stati vaccinati hanno 27 volte in più la possibilità di sviluppare l’autismo. I numeri non mentono. (fonte)

E i dati ufficiali U.S.A. che dimostrano come il mercurio causi l’autismo?

Analizzando i dati raccolti dall’ente federale statunitense CDC si è scoperto che i bambini cui vengono somministrati vaccini al mercurio hanno una probabilità 27 volte maggiore di sviluppare l’autismo rispetto a quelli che ricevono vaccini senza mercurio. (fonte)

E come mai migliaia di bambini hanno sconfitto (almeno parzialmente) l’autismo disintossicandosi dal mercurio e dalla candida tramite il protocollo medico DAN?

Il figlio del celebre attore Jim Carrey è guarito dall’autismo grazie all’applicazione del protocollo medico DAN, basato sulla disintossicazione dal mercurio.

Pensate ancora che le istituzioni si preoccupino del vostro benessere, o vi rendete conto che hanno servito sempre ben altri interessi?

Ai più alti livelli c’è chi organizza e manovra (non certo per il benessere pubblico).
A livelli più bassi ci sono per lo più meri esecutori che evitano di farsi troppe domande; qualcuno si accorge del marcio, ma fra questi pochi denunciano apertamente.
Ai pochi integerrimi rappresentanti delle istituzioni politiche, mediche, scientifiche, viene generalmente concesso poco spazio sui mass media, controllati dai soliti poteri forti.

Lo stesso succede per le scie chimiche: sono pochissimi i medici, biologi, fisici, parlamentari che le denunciano, contro un fronte compatto istituzionale che nega il fenomeno; ma la verità sta scritta a chiare lettere nel cielo.

Ma cosa dicono le istituzioni?

Di fronte alle interrogazioni parlamentari sulla questione i ministeri interessati non fanno che ribadire che si tratta di normale condensa di vapore.

Io in 40 anni non ho mai visto la condensa di vapore oscurare il sole di intere regioni con una patina biancastra, e voi?

Ma dicono anche che occorre aggiungere che…

A temperature appena superiori allo zero il vapore acqueo contenuto nell’atmosfera, all’impatto con una superficie quale ad esempio la fusoliera di un aereo, può congelarsi all’istante per effetto dell’improvvisa variazione di pressione e dare quindi quell’impressione gelatinosa alla quale si fa riferimento … *
* risposta del ministro della difesa La Russa alla recente interrogazione parlamentare dell’onorevole Brandolini

Io in 40 anni non ho mai visto il cielo assumere una consistenza gelatinosa per il passaggio degli aerei e voi?

Non è ben chiaro a quale tipo di fenomeno il ministro si riferisca, il documento è alquanto vago (volutamente?). Persino i negazionisti delle scie chimiche giustificano il fenomeno in maniera alquanto differente.

Le scie di condensazione sono formazioni nuvolose inizialmente tenui che, successivamente, possono dilatarsi notevolmente (in base al profilo termoigrometrico ambientale) formando ampi nastri cirriformi che si sfilacciano lateralmente nella fase di decadimento. Esistono diverse classificazioni relative alle scie di condensazione, le quali prendono in esame dimensioni, durata e modalità di formazione.
1) scie dovute al veloce raffreddamento dei gas di scarico dei motori, i quali immettono nell’atmosfera, più o meno umida, una quantità di vapore acqueo e nuclei di condensazione sufficienti a provocare il fenomeno. La temperatura dell’aria più favorevole è in genere quella compresa fra i -25 °C ed i -40 °C ed in queste condizioni ambientali esse tendono ad essere maggiormente persistenti. Ma come vedremo in seguito scie di condensazione possono formarsi anche con umidità relativa ambientale pari allo 0% a patto che la temperatura sia sufficientemente bassa.
2) scie di convezione dovute ai moti convettivi che si innescano dietro l’aereo quando questo vola in aria molto umida e più o meno instabile. La temperatura dell’aria più favorevole è ritenuta quella compresa nel range 0 °C/ -25 °C. Non si manifestano immediatamente dietro l’aereo, occorrendo un certo lasso di tempo prima che i deboli moti convettivi presenti portino l’aria calda inizialmente immessa nell’atmosfera al livello di condensazione
3) scie di origine aerodinamica dovute alla rapida espansione dell’aria (con relativo calo di pressione e raffreddamento), provocata dal veloce movimento dell’aereo, quando vola in condizioni ambientali caratterizzate da elevata umidità. Esse sono di norma le più fugaci. (fonte)

Sembra che il ministro si riferisca ad un cambiamento di stato (congelamento) correlato ad una variazione di pressione che, per forza di cose, viene presto riequilibrata una volta passato l’aereo (punto 3). L’effetto, se c’è, è quindi occasionale e di brevissima durata, e non può certo rendere il cielo gelatinoso.

O forse vorrebbe dire che l’aereo  comprime il vapore acqueo sul davanti dell’apparecchio facendolo condensare? Di sicuro il vapore acqueo se viene compresso può condensare. Ma finita la compressione avviene rapidamente il fenomeno inverso, come  succede nel comune frigorifero.


Il vapore che serve per l’impianto di raffreddamento viene dapprima compresso fuori dal frigorifero (compressore), e poi  lasciato espandere all’interno del frigorifero (serpentina interna o espansore); in tale processo, quando si apre la valvola di espansione, il liquido non essendo più compresso ritorna allo stato di vapore. *
* La fisica di Amaldi vol 2 pag 198

E ora torniamo a conti semplicissimi: sapete contare fino a 12?

Bene, guardate i vostri vecchi album di fotografie, sfogliando le foto vecchie di 8-10 o 15 anni fa. Come mai non vedete nessuna scia nei cieli di quelle foto? Come mai, se proprio siete fortunati, ne vedete una sola in una sola fotografia? Eppure il traffico (dati ufficiali dell’assoaeroporti), è aumentato di meno del 25% dal 2000 al 2007.

Dati voli civili anno 2000:

Dati voli civili anno 2007:

Se assumiamo un aumento simile negli anni precedenti possiamo dedurre che negli ultimi 15 anni il traffico aereo possa essere aumentato circa del 50%. Se adesso vedete spesso nel cielo 12 scie, 15 anni fa dovevate spesso vederne 8 (8 più la metà di 8 è uguale a 12) e quindi doveva capitare spesso di immortalare non una sola scia, ma un bel fascio.
Ma nelle vostro vecchie foto non ci sono tutte quelle scie, mentre adesso …

Il cielo sopra Amsterdam, Febbraio 2006, circa 20 scie

E se pensate che nelle vostre foto non si vedono scie perché non le avete mai cercate di proposito (patetica scusa lo so) … come mai le trovate in tantissime pubblicità, film, cartoni animati, videogiochi, video musicali …

Sito dell’aeroporto di Roma

Pubblicità aeroporto del Quèbec (Canada)

Pubblicità aeroporto di Torino

Aeronautica militare!

Nel cartone animato Cars

Nel film Iron Man

E adesso un po’ di geometria elementare …
Scie che si incrociano sulla vostra testa rilasciate sotto ogni possibile angolazione … siete sotto un incrocio di corridoi aerei?

Ma vi spostate di 30 km e trovate gli stessi incroci … anche lì si incrociano i corridoi aerei? 20 incroci di corridoi aerei in ogni regione d’Italia? Gli aerei sono costretti a cambiare quota ogni 5 minuti incrociando un altro corridoio? Assurdo, l’avete mai preso un aereo?

E da quando gli aerei seguono traiettorie curvilinee?

Normali traiettorie di aerei di linea?

Se non è una scia chimica, allora è un pilota ubriaco

Formazioni di “aerei civili”?

 

 

Articolo fonte

4 commenti su “Introduzione alle Scie chimiche – Parte 2”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *