Questo sarà l’inverno più freddo degli ultimi 1000 anni

Dopo un’ondata record di caldo estivo sembra che il meteo russo ci abbia preso gusto con le condizioni estreme. I metereologi prevedono per l’Europa che questo inverno potrà essere quello più freddo visto negli ultimi 1000 anni!

Il cambiamento è strettamente legato alla velocità della corrente del golfo che si è ridotta della metà negli ultimi due anni. Scienziati polacchi affermano che tale cambiamento nell’intensità della corrente impedirà di compensare il freddo dei venti artici e se la corrente si dovesse fermare ci sarebbe una nuova era glaciale in Europa.

Già ora, per esempio, nella Russia centrale si registrano una temperatura di un paio di gradi sotto la media.

“Anche se le previsioni per il prossimo mese hanno un’attendibilità del solo 70%, penso che lo scenario di un inverno freddo sia molto probabile” dice Vadim Zavodchenkov, ricercatore capo al Fobos Weather Center.”Saremo in grado di giudicare con più esattezza a Novembre. Dobbiamo ammettere che i modelli statistici usati dai metereologi non sono in grado di prevedere delle anomale come l’ultimo caldo estivo”.

Le autorità moscovite hanno già iniziato le operazioni per fronteggiare l’ondata di freddo polare e permettere alla popolazione di sopravvivere al freddo estremo.

Il governo si concentra sui senza tetto che rischiano di morire congelati se le previsioni risulteranno corrette. I servizi sociali e la polizia sono state autorizzate anche all’uso della forza nel caso in cui i senza tetto rifiutino di essere aiutati.

Allo stesso modo sono partite le operazioni di controllo dei sistemi di aria condizionata. Tutti i condizionatori sono stati attentamente ripuliti dai residui dello smog estivo.

Fonte

1 commento su “Questo sarà l’inverno più freddo degli ultimi 1000 anni”

  1. se si verificasse questo in europa meridionale compresa l;italia quale scenario ci dovremmo attendere? e la neve cadrebbe copiosa su tutto il sud?
    cordiali saluti da un appassionato di meteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *