Terremoto in Giappone e l’ipotesi HAARP

Poco più di una settimana fa un terremoto di grado 9 ha colpito il Giappone. Al terremoto è seguito uno tsunami devastante che ha messo in ginocchio il paese del sol levante. Molte sono le ipotesi di un’origine artificiale di questo terremoto inusuale per potenza tra cui quella che riconduce all’HAARP, il sistema di antenne delle forza armate USA utilizzato per esperimenti sulla ionosfera.

Quando si parla di disastri naturali si finisce sempre per parlare di HAARP (High Frequency Active Auroral Research Program). Questo progetto miliare USA è stato costruito ufficialmente per studiare come migliorare la trasmissione di onde elettromagnetiche ad alta frequenza sfruttando la ionosfera.

HAARP è in grado di generare delle onde con potenze di alcuni MW (megawatt) in grado di indurre delle modifiche locali alla posizione della ionosfera in modo da imitare ciò che fa il Sole con delle potenze nettamente maggiori e quindi studiare l’andamento delle trasmissioni. Il fatto che la potenza di HAARP sia solo una frazione minima del Sole non lo rende certo innocuo perché quando si esegue un’azione in maniera mirata gli effetti possono essere ugualmente gravi, basti pensare al principio della lente che focalizza i raggi solari.

Benjamin Fulford è un giornalista canadese che vive in Giappone e che si occupa da tempo di molti misteri dei nostri tempi che secondo lui riconducono alla volontà degli Illuminati di ridurre la popolazione mondiale per poter imporre il loro nuovo ordine mondiale. La sue convinzioni derivano anche dalla sua attività di giornalista che gli permette di entrare in contatto con personalità politiche di alto livello che ogni tanto finiscono per rivelare qualche piccolo dettaglio.

Il video che segue espone la visione di Benjamin Fulford riguardo alla correlazione tra terremoto in Giappone e HAARP.

In realtà il video contiene una imprecisione. Intorno al minuto 3:30 vengono presentate le “Earthquake Lights”, ovvero delle strane luci nel cielo simile ad aurore, generate dall’HAARP e visibili dalla Cina pochi minuti prima del terremoto del Giappone. In realtà si tratta di un pezzo del video seguente registrato due anni fa pochi minuti prima del devastante terremoto in Cina. Malgrado le nostre ricerche non abbiamo trovato registrazioni dello stesso fenomeno sul Giappone in questa occasione.

È difficile dire se l’HAARP sia in grado di generare terremoti. Di sicuro la capacità dell’uomo di modificare fenomeni naturali come le precipitazioni, il clima o addirittura i terremoti aumenta di giorno in giorno. Il Giappone è certamente un luogo ad altissimo rischio sismico e il fatto che ci siano delle persone in grado di scatenare un terremoto è un’ipotesi che non si può escludere completamente. Benjamin Fulford parla di manipolazione della ionosfera come mezzo per scatenare i terremoti, ma accenna anche alla possibilità di indirizzare le microonde nella crosta terrestre, ovvero nel futuro epicentro del terremoto.

L’argomento è sicuramente molto interessante e merita di essere approfondito.

4 commenti su “Terremoto in Giappone e l’ipotesi HAARP”

  1. gli è sfuggita una cosina piccola piccola: i terremoti sono fenomeni endogeni e la potenza sprigionata da un terremoto è pari a innumerevoli bombe atomiche, quando l’energia usata per far funzionare Haarp potrebbe a stento far funzionare il paesino dove vivo? L’energia non si crea!!

  2. salve a tutti volevo coreggere il signor By Horn, purtroppo l’energia si puo’ creare e in quantita talmente elevate che protresti distruggere il globo.
    L’eggi qualche libro di Nikola Tesla e capirai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *